AMBITO DI RICERCA

SOLARE A CONCENTRAZIONE

ENEA ha sviluppato un concetto innovativo di impianto solare a concentrazione che utilizza sali fusi ad alta temperatura (550°C) sia come fluido termovettore che come mezzo per l’accumulo termico in sistemi parabolici lineari. L’impiego di sali fusi costituisce un’innovazione sostanziale rispetto agli impianti attualmente più diffusi, che utilizzano oli sintetici come fluido termovettore in concentratori parabolici lineari, potendo raggiungere temperature massime di 390°C, ed usano sali fusi solo come mezzo di accumulo termico, con la necessità di introdurre scambiatori di calore tra olio e sali. I sali sono compatibili con l’ambiente, non sono infiammabili, sono chimicamente stabili e non comportano problemi di degradazione del tubo ricevitore. L’uso di sali fusi nel ricevitore migliora l’efficienza dell’impianto solare ed aumenta le prestazioni del sistema di accumulo, con una significativa riduzione del costo dello stesso. La disponibilità di un sistema di accumulo termico efficiente e a basso costo consente, a sua volta, un sensibile incremento delle ore di funzionamento dell’impianto e della produzione annuale di energia elettrica, aumentando la flessibilità degli impianti solari e la loro capacità di modulare la produzione di elettricità in funzione della richiesta della rete (dispacciabilità). Inoltre, l’energia termica accumulata può essere utilizzata per fornire calore ad alta e media temperatura per applicazioni industriali o residenziali.

 

Sviluppo di componenti e sistemi per gli impianti solari

L’impiego di sali fusi come fluido termovettore richiede lo sviluppo di nuove tecnologie e componenti per la captazione e l’accumulo dell’energia solare. In particolare, l’ENEA ha sviluppato con successo, e brevettato, un nuovo ed efficiente tubo ricevitore per concentratori parabolici lineari a sali fusi. Partendo da studi di laboratorio fino ad arrivare allo sviluppo di un nuovo prodotto commerciale, questa attività ha visto un progressivo coinvolgimento dell’industria nazionale (ad es. Archimede Solar Energy), portando allo sviluppo di una filiera nel settore.

Lo sviluppo della tecnologia del solare a concentrazione continua in ENEA, con attività che riguardano l’ottimizzazione dei componenti e lo studio di configurazioni di impianto e di sistemi di accumulo termico innovativi, oltre alla predisposizione di studi di fattibilità ed alla progettazione di impianti dimostrativi e commerciali da realizzare sia in Italia che all’estero.

AFFERISCONO A QUESTO AMBITO DI RICERCA: